Con questa mostra il CAMeC intende presentare una giÓ proposta e riuscita formula espositiva, centrata sull'incontro e il dialogo fra le raccolte permanenti e autorevoli prestiti, in collaborazione scientifica con istituzioni pubbliche e collezioni private. In questa occasione il progetto affianca a un'inedita selezione di ascendenza Surrealista un prezioso florilegio di dipinti di Giorgio De Chirico della prima Metafisica e della Nuova Metafisica degli anni Cinquanta-Settanta, con l'intento di documentare il legame cardinale fra la corrente ferrarese e l'avanguardia nata a Parigi nel 1924, saldamente confermato dalla storiografia a dispetto del burrascoso rapporto intercorso fra il Maestro e AndrÚ Breton.
Fra le altre opere in mostra tre Piazze d'Italia a confronto, del '16, '57 e '70, la Composizione Metafisica proveniente dalla GAM di Palazzo Pitti, replica del Canto d'amore del 1914 conservato al MOMA di New York e, da metÓ dicembre, l'Enigma della partenza del '14 appartenente alla raccolta Magnani Rocca. Dalle raccolte del CAMeC opere di Hans Jean Arp, Hans Bellmer, Victor Brauner, Jean Cocteau, Salvador Dalý, Paul Delvaux, Gianni Dova, Marcel Duchamp, Max Ernst, Maurice Henry, Wifredo Lam, Edouard Mesens, RenÚ Magritte, Sebastian Matta, Juan Mirˇ, Man Ray, Alberto Savinio, Paul Wunderlich.

 
Credits e info
 
  Partner  |  Link  |  Lingua  |  Site credits