CAMeC, 19 ottobre - 27 novembre 2005
       
L'attività espositiva del CAMeC prosegue con la mostra dell'artista spagnolo Din Matamoro (nato a Vigo nel 1958), in collaborazione con il prestigioso CGAC (Centro Galego de Arte Contemporánea), che con il CAMeC condivide la volontà di registrare le più interessanti voci della giovane produzione contemporanea. Undici grandi dipinti recenti, numerosi lavori a base fotografica, disegni e un video espressamente realizzati per questa mostra, documentano l'articolata attività dell'artista galiziano, che si distingue per l'originale impiego di inconsueti materiali. L’esposizione segue una sorta di itinerario attraverso diversi linguaggi e media espressivi. Il punto di partenza è rappresentato da un gruppo di autoritratti, opere pittoriche e fotografiche che interpretano il tema come immagine mentale, attraverso il colore: esso si espande senza limiti, costretto soltanto dalla misura delle superfici che lo contengono. Vengono quindi numerosi elaborati fotografici, realizzati a documentare un singolarissimo impiego della schiuma, che genera una forma umana in movimento ed evoluzione: nascita, attraversamento della vita e scomparsa. Ancora fotografie di forme plasmate con sacchetti di plastica e con pellicola per imballaggio: figure umane o animali rappresentate da materiali effimeri, come la schiuma, recuperati dalla cronaca quotidiana. Inoltre, un cospicuo nucleo di disegni colorati, anch'essi dedicati alla figura umana, stilizzata e sbozzata in movimento e in torsione, e un momento di sintesi: il film d’animazione, che ci permette di vedere i sacchetti di plastica trasmormati in conigli, ripresi con la tecnica dei film animati, fotogramma per fotogramma; conigli che si muovono, corrono e si nascondono, appaiono e scompaiono in uno scenario reale.
Il punto di arrivo è comunque la pittura come ambito della luce, come spazio di nascita delle forme, poiché Din Matamoro è, innanzi tutto, un pittore. Un pittore che si esprime con la più ampia varietà di supporti espressivi, un artista-poeta delle forme, un sognatore di fantasie visive, capace di convertire in proposta plastica gli aspetti all’apparenza più insignificanti dell’esperienza quotidiana e del rapporto dell’essere umano con la natura.
www.dinmatamoro.com
www.inmaterial.com
www.cgac.org
 
  Partner  |  Link  |  Lingua  |  Site credits